Anna Fresu

È  regista, autrice, attrice di teatro, traduttrice e studiosa di letterature africane. È nata a La Maddalena, in Sardegna e si è trasferita a Roma nel 1964 dove si è diplomata al Liceo Linguistico di via Boncompagni e laureata in Lettere e Filosofia presso l’Università La Sapienza. A Roma ha seguito numerosi corsi di teatro, partecipando alla creazione del teatro Spaziozero e collaborando con vari registi, come Giuliano Vasilicò, Giorgio Marini, Lisi Natoli e musicisti come Giancarlo Schiaffini, Bruno Tommaso, Domenico Guaccero. Nel 1975 ha lavorato in Portogallo come mediatrice culturale nella cooperativa agricola Torrebela. Dal 1977 al 1988 ha vissuto in Mozambico dove ha insegnato e diretto la Scuola Nazionale di Teatro, realizzando molti spettacoli. Ha creato e diretto, col regista e giornalista Mendes de Oliveira, il “Dipartimento di Cinema per l’Infanzia e la Gioventù” realizzando diversi film che hanno ottenuto riconoscimenti internazionali (Festival del Cinema per la Gioventù di Giffoni Val Piana, Italia; Festival del Cinema di Animazione, Tavares, Portogallo). In questo periodo ha pubblicato insieme a Mendes de Oliveira i libri “Pesquisas para um teatro popular em Moçambique” e”Jogos e brincadeiras”, risultati delle sue esperienze di ricerca e di lavoro in tutto il paese. Il suo lavoro in Mozambico è stato premiato al Festival del Cinema per lo Sviluppo a Genazzano nel 1991. Nel 1996 è tornata in Mozambico come collaboratrice RAI per una serie di servizi televisivi sui “meninos da rua”, bambini-soldato e vittime della guerra. In quello stesso anno ha realizzato un laboratorio teatrale con i ragazzi di strada ospiti della “Cidadela da Criança”, a Maputo. Ha condotto numerosi laboratori teatrali in scuole di ogni ordine e grado. È stata presidente delle associazioni culturali “Scritti d’Africa” che promuove la conoscenza delle letterature africane e della migrazione attraverso seminari, convegni, spettacoli teatrali e “Il Cerchio dell’Incontro” che promuoveva l’educazione alla pace e allo sviluppo attraverso laboratori e spettacoli teatrali. Ha collaborato con il Festival del Cinema per la Pace e lo Sviluppo a Genazzano, attraverso seminari e laboratori teatrali e la realizzazione di diversi spettacoli.  Con Joyce Lussu ha curato e tradotto dal portoghese le poesie del poeta mozambicano José Craveirinha (Voglio essere tamburo, Centro Internazionale della Grafica, Venezia, 1991). Alcune sue poesie e racconti sono state pubblicate in antologie come, “Dal manoscritto al libro” (ed. Giulio Perrone, Roma 2008); “Lingua Madre 2007”, “Lingua Madre 2008”, “Lingua Madre 2009” (Torino, edizioni SEB ). Nel 2013, ha pubblicato il suo libro di racconti “Sguardi altrove” Vertigo Edizioni, Roma, presentato a Roma a febbraio del 2014 e a Mendoza, Argentina a settembre dello stesso anno. Il libro è stato inoltre oggetto di una conferenza al Congresso di Lingua e Letteratura Italiana tenutosi nel mese di ottobre del 2015 nella città di Rosario. Tradotto in inglese e portoghese, è attualmente in via di edizione una versione ampliata in lingua spagnola curata dalla stessa autrice. Nel 2015 alcune sue poesie sono state pubblicate nelle antologie “Voci nell’aria” e “La pace è in fiamme”, curate  e pubblicate dall’associazione Exosphere di Reggio Emilia, e il suo testo “Dante e io” è presente in “Libri Migranti”, a cura di Melita Richter, Cosmo Iannone Editore presentato alla Fiera Più Libri-Più Liberi di Roma, dicembre 2015; nel 2018 pubblica la sua prima raccolta di poesie “Ponti di corda” con la Temperino Rosso Edizioni – Brescia.  Dal 2009 ha vissuto a Mendoza, in Argentina, dove ha proseguito la sua carriera teatrale e insegnato Lingua e Cultura Italiana presso l’istituto Dante Alighieri, la Scuola Italiana e l’Università di Mendoza. Collabora con diverse riviste on-line come El-Ghibli, La Macchina Sognante, il Golem Femmina, Socialnews, ecc… Nel 2013 è stata insignita del titolo di Embajadora de la Palabra (ambasciatrice della parola) da parte della Fondazione César Egidio Serrano – Museo de La Palabra di Toledo, Spagna.