Il collezionista di paesaggi

16,00

Perché uno straniero, per la precisione un filippino, dovrebbe ostinarsi a voler vedere tutti i 58 siti italiani Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco? E perché avrebbe deciso di documentare ogni luogo visitato esibendo per ciascuno i segni del suo passaggio con fotografie, scontrini, biglietti di viaggio e di ingresso, tappa per tappa, sito per sito?


Confronta
Categoria:

Descrizione

Perché uno straniero, per la precisione un filippino, dovrebbe ostinarsi a voler vedere tutti i 58 siti italiani Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco? E perché avrebbe deciso di documentare ogni luogo visitato esibendo per ciascuno i segni del suo passaggio con fotografie, scontrini, biglietti di viaggio e di ingresso, tappa per tappa, sito per sito?

Siamo abituati a pensare agli stranieri come turisti o come immigrati, mai le due cose insieme. Questo libro contiene gli appunti di un Grand Tour, strappato al sonno e al tempo libero da un immigrato innamorato dell’Italia, le cui bellezze rispetta e conosce più di molti di noi. Il suo è un gesto d’amore che, implicitamente, chiede cittadinanza, o almeno il permesso di vivere nei luoghi che vede, ammira e in qualche modo custodisce in queste pagine.

Ma, attenzione: questa non è una guida turistica. L’interesse dell’autore non è tanto rivolto ai siti, quanto alle avventure e disavventure vissute per visitarli. Il suo resoconto si perde in aneddoti, ricordi, riflessioni: poche righe piene di ironia e svagata leggerezza. Un piacere per chi legge, ma anche un invito ad accorgerci della bellezza e della bontà che abbiamo a portata di mano ma non vediamo.

Informazioni aggiuntive

Anno di pubblicazione

Formato

Pagine

145

ISBN

979-12-80860-00-2

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il collezionista di paesaggi”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.